La Ministra
Cyberbullismo, sì del Senato: "Così aiutiamo i nostri ragazzi"
Per Finocchiaro, il ddl è "un passo importante per un uso corretto della rete"

"È importante che il Senato abbia approvato il provvedimento che riguarda le norme per combattere il fenomeno del cyberbullismo". La ministra Anna Finocchiaro esprime così la propria soddisfazione per il Sì dell'aula di palazzo Madama al testo, che adesso torna alla Camera. I voti favorevoli sono stati 224, solo uno quello contrario.

"Un uso distorto della rete e delle nuove tecnologie da parte di un singolo o di un gruppo di persone - commenta Finocchiaro - può portare, se indirizzato verso un minore, a conseguenze tragiche. Per questo è necessario che siano a loro riservate specifiche normative".

La ministra spiega che "il provvedimento non è basato sulle sanzioni, non criminalizza il web, ma è costruito sulla prevenzione e sulla promozione culturale dell'uso corretto della rete, mettendo in primo piano la responsabilità individuale e collettiva sia dei minori che degli adulti. Al centro c'è l'elemento educativo e quindi la scuola, la formazione, il mondo degli studenti. Con l'intento di arricchire i principi di una nuova cittadinanza digitale. E importante - prosegue Finocchiaro - mi sembra la previsione di un piano di azione integrato attraverso la costituzione di un tavolo tecnico, sia a livello nazionale sia a livello locale, composto dai vari ministeri interessati".

"Oggi - conclude la ministra per i Rapporti con il Parlamento - si compie un altro passo importante sul percorso che deve portarci a dotare il nostro Paese di una normativa efficace e moderna per combattere un fenomeno sociale e aiutare i nostri ragazzi ad un uso civile e corretto della rete".

 

 

 

Ultimo aggiornamento: martedì 31 gennaio 2017