Finocchiaro: "Combattere la corruzione per aiutare le imprese oneste"
La ministra interviene a Parma al convegno "Legalità e security. Difendere le nostre aziende"

finocchiaro-parma.JPG (1)

 

"Il maggior nemico delle imprese che operano correttamente è la corruzione e per combatterla efficacemente serve un massiccio investimento sulla Pubblica amministrazione, per far crescere trasparenza ed efficienza". Lo ha detto Anna Finocchiaro intervenendo a Parma al convegno dal titolo "Legalità e security. Difendere le nostre aziende", organizzato dall'Unione Parmense degli Industriali e dal Gruppo imprese artigiane, in collaborazione con il Circolo culturale "Il Borgo" e l'Associazione dei giovani avvocati di Parma.

La ministra per i Rapporti con il Parlamento ha rivendicato il lavoro svolto in questa legislatura per combattere quei fenomeni di illegalità che alimentano gli affari delle aziende legate alla criminalità, a partire dall'istituzione degli ecoreati alle leggi contro il caporalato, dalla lotta all'evasione fiscale all'istituzione dell'Autorità anti corruzione, dalla riforma della P.a. al nuovo codice degli appalti, "che presenta delle criticità, ma sul quale si deve e si può lavorare per perfezionare uno strumento che va incontro alla tutela delle aziende oneste".

Il messaggio che la ministra Finocchiaro ha indirizzato ai presenti va però al di là dei possibili interventi legislativi e rappresenta un appello rivolto a ciascuno: "Leggi e sanzioni - ha detto infatti la ministra - non possono bastare da sole a garantire sicurezza e legalità. Serve piuttosto una presa di coscienza collettiva che coinvolga tutti i cittadini, per favorire la legalità con i propri comportamenti".

 

 

 

Ultimo aggiornamento: lunedì 13 febbraio 2017