Manovra. Fraccaro: Dialogo a testa alta con Ue, la strada è giusta

29 ottobre 2018

“La manovra contiene tutte le nostre proposte per rilanciare i consumi e l’economia reale. Ci dobbiamo preparare a un’interlocuzione franca, onesta, ma anche a testa alta, con le istituzioni europee, consapevoli che la strada è giusta e quello che stiamo facendo è ciò che serve al nostro Paese”. Lo ha detto il Ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia Diretta, Riccardo Fraccaro, intervistato dalla Web Tv dei Consulenti del Lavoro. Nel corso dell’intervista Fraccaro ha sottolineato che “non c’è nessuna ipotesi di riscrittura” della manovra. “Vorremmo poter guardare i commissari europei negli occhi per chiedere loro come mai il reddito di cittadinanza, che esiste in altri Paesi, non possa andare bene per l’Italia. Cercheremo di far capire all’Europa che senza stabilità sociale non può esserci stabilità economica. Stare dalla parte dei cittadini significa fare gli interessi del paese reale e non del mercato speculativo”.

Secondo il ministro l’apertura di un’eventuale procedura d’infrazione da parte della Commissione Europea sarebbe da considerare “come un momento politico, non istituzionale, di contrasto. Evidentemente le prossime elezioni stanno spingendo le istituzioni europee ad assumere una posizione estremamente rigida e questo non aiuta. Quello che stiamo portando a livello europeo non è uno scontro tra istituzioni, ma tra modelli economici. Vorremmo affermare a livello europeo un modello che abbia come obiettivo l’espansione e non la contrazione economica. In questi giorni, invece, abbiamo sentito la Bce, la Commissione Europea e le agenzie di rating continuare a sostenere un modello fallimentare come l’austerità. Il compito della Banca centrale è garantire la stabilità monetaria e che i titoli di Stato siano acquistati a tassi non speculativi. Se non è così la finanza diventa predominante sulla politica. Noi vogliamo un modello di Stato in cui la politica utilizzi l’economia per il bene dei cittadini e non viceversa”.

In merito alle misure varate dal Governo e al loro effetto sulla crescita del Paese, Fraccaro ha spiegato come nella manovra “l’effetto moltiplicatore sia estremamente presente. Ad esempio, il reddito di cittadinanza è un finanziamento dell’economia reale perché vengo dati dei soldi a chi non ne ha per spenderli nella vita quotidiana e, quindi, l’effetto moltiplicatore è immediato. Questo è quello che vorremmo spiegare alla Commissione Europea, ma evidentemente a qualcuno spaventano i cittadini con diritti”.

Il ministro Fraccaro ha concluso affermando che il Governo è pronto “a lavorare ancora di più perché i finanziamenti vadano nell’economia reale e siano immediatamente più efficaci”.

Qui il video dell'intervista

Torna all'inizio del contenuto