1 marzo 2017 - Camera
Orlando: iniziative ispettive su magistrato tribunale di Milano
Interrogazione on. Massimo Fedriga ( LNA )

Mediante l'interrogazione in discussione gli onorevoli paventavano dubbi riguardo all'imparzialità del giudice del tribunale civile di Milano che, pronunciandosi con ordinanza nell'ambito del procedimento a tutela degli atti discriminatori ex articolo 44 del testo unico sull'immigrazione promosso dalle associazioni ASGI e Naga, non avrebbe ottemperato all'obbligo di astensione pur avendo tenuto conferenze sui temi della protezione internazionale su invito della prima delle associazioni citate. 
  Va, in linea generale ed astratta, premesso che l'attività scientifica del magistrato, svolta anche mediante la partecipazione a convegni e seminari, è da considerarsi utile momento di confronto istituzionale e di formazione professionale. In relazione, però, allo specifico profilo segnalato, ho già avviato, per mezzo dei competenti uffici ministeriali, gli accertamenti necessari a valutare se in concreto la segnalata partecipazione del magistrato a convegni e seminari promossi e organizzati da un'associazione indicata come parte in un procedimento trattato dallo stesso giudice sia circostanza effettivamente idonea a fondare l'obbligo di astensione. Come è noto, difatti, la violazione del dovere di astensione costituisce illecito disciplinare nei casi in cui tassative disposizioni normative impongano al giudice siffatto obbligo, a tutela dei valori della terzietà, dell'imparzialità, della giurisdizione. 
  Rassicuro, pertanto, gli interroganti che la questione è all'attenzione del mio dicastero e che, all'esito dei necessari approfondimenti in corso, il Parlamento sarà informato delle valutazioni di mia competenza.

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati )

Ultimo aggiornamento: mercoledì 1 marzo 2017