10 maggio 2017 - Camera
Lorenzin: pericolo tossicità aria dopo incendio Pomezia
Interrogazione on. Serena Pellegrino (SI-SEL-POS)

Grazie, Presidente. Vorrei approfittare di questa occasione per dare, appunto, delle comunicazioni puntuali proprio in questa sede, che è quella del Parlamento italiano, sul gravissimo incendio che c'è stato a Pomezia. Fin dalle primissime ore sono stata in contatto con il sindaco e la regione Lazio, abbiamo allertato le direzioni generali del Ministero, l'Istituto superiore di sanità, l'Istituto zooprofilattico, tutti gli enti pubblici preposti alla gestione dell'emergenza, e, ovviamente, anche i carabinieri dei NAS, che sono intervenuti immediatamente.

Ciò detto, vorrei darvi immediatamente i dati, e cioè quanto mi è stato comunicato dall'ARPA Lazio, dall'Istituto zooprofilattico sperimentale del Lazio e della Toscana e dall'ASL Roma 6.

L'ARPA ha evidenziato che sono ad oggi disponibili solo i valori delle polveri sottili PM10 relativi al giorno dell'incendio e a quello successivo, cioè il 5 e 6 maggio; valori che sono risultati superiori ai limiti previsti dalla legge, ma limitatamente alle immediate vicinanze dello stabilimento e non anche nei centri abitati adiacenti, fortunatamente. L'agenzia ha in ogni caso precisato che gli stessi risultano analoghi ai valori registrati nel centro urbano di Roma nei periodi invernali di particolare criticità di inquinamento. Rispetto alla questione della presenza di idrocarburi policiclici aromatici, l'Istituto zooprofilattico sperimentale del Lazio e della Toscana ha comunicato che i risultati delle prime rilevazioni su ben nove campioni di vegetali raccolti nelle vicinanze del sito interessato dall'incendio hanno dato esito negativo. Quanto, invece, alla presenza di diossine, l'ARPA ha riferito che i dati saranno disponibili da domani, in quanto richiedono tempi di analisi maggiori, e mi farò portavoce della comunicazione ufficiale di questi dati.

Rispetto, invece, all'amianto, l'ASL Roma 6 ha comunicato che già nella giornata del 7, non appena è stato possibile accedere in sicurezza all'interno dell'impianto, sono stati effettuati campionamenti delle lastre di copertura dei capannoni dello stabilimento, che hanno evidenziato la presenza di fibre di amianto. A questo proposito, vi comunico che sono pervenuti proprio oggi, in tarda mattinata, i risultati delle analisi effettuate dall'ARPA Lazio in merito alla presenza di fibre di amianto nell'aria. Fortunatamente, diciamo che non è stata rivelata presenza di fibre di amianto nell'aria: questo è un dato estremamente positivo per la cittadinanza.

Ci preoccuperemo adesso, invece, nella gestione della rimozione dei rifiuti, che gli operatori preposti alla gestione di questi rifiuti siano ovviamente messi in sicurezza, proprio per non avere contaminazioni. La Direzione generale salute e politiche sociali della regione Lazio ha incaricato l'Istituto superiore di sanità di collaborare per effettuare ulteriori analisi e per affiancare la regione nella definizione dei programmi di monitoraggio e di sorveglianza sanitaria dei cittadini esposti, e quindi per tutto quello che riguarda la fase due, che comincerà nelle prossime ore.

L'ASL Roma 6, in stretta collaborazione con la Direzione degli alimenti e della sanità animale del Ministero della salute, allo scopo di evitare, secondo il principio di precauzione, ogni potenziale rischio per la salute della popolazione, ha immediatamente dopo l'incendio fornito specifiche indicazioni ai sindaci dei comuni di Pomezia e di Ardea per l'adozione di ordinanze urgenti finalizzate a interdire nell'arco di cinque chilometri dall'area dell'incendio la raccolta, la vendita e il consumo di prodotti ortofrutticoli…il pascolo e l'utilizzo di foraggi esposti per gli animali, nonché per mantenere gli animali chiusi nelle stalle. Inoltre, è stata data indicazione che i prodotti ortofrutticoli coltivati al di fuori di detta area debbano essere accuratamente lavati prima del consumo. L'ASL Roma 6 ha poi riferito, allo scopo di fornire puntuale ed aggiornata informazione alla popolazione, che sono state pubblicate dall'homepage del sito web dell'azienda tutte le precauzioni da adottare e i consigli più utili. Purtroppo il mio tempo è concluso; comunque, lascio l'interrogazione nel dettaglio ai colleghi interroganti.

 

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 10 maggio 2017