14 giugno 2017 - Camera
Padoan: popolari venete, investimento può venire solo da banche interessate

Gli onorevoli interroganti richiedono di conoscere quale sia lo stato attuale delle trattative con le autorità europee nella definizione dello schema di ricapitalizzazione precauzionale di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca e dei conseguenti strumenti di intervento anche in relazione all'eventuale soluzione di sistema che prevede il coinvolgimento delle banche nazionali maggiori al fine di scongiurare qualunque ipotesi di messa in risoluzione tramite ricorso alla procedura di bail-in. In data 13 giugno 2017, il Ministro dell'economia e delle finanze ha emanato un comunicato sulle interlocuzioni in corso con le istituzioni europee competenti sulla soluzione della vicenda, assicurando altresì la salvaguardia dei depositanti e creditori non subordinati. Quanto dichiarato dal Ministro è riflesso negli analoghi chiarimenti forniti nella medesima giornata dalla Commissione europea.

Al momento non vi sono ulteriori elementi informativi. È opportuno, comunque, puntualizzare che la soluzione di sistema menzionata dagli onorevoli interroganti non è, né può essere, un'iniziativa pubblica, si tratta di valutazioni e considerazioni in ordine ad un possibile investimento del tutto volontario che non possono che competere alle banche eventualmente interessate.

 

(tratto dal resoconto stenografico della Camera dei deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 14 giugno 2017