22 febbraio 2017 - Camera
Fedeli: risorse per consevatorio di musica Tito Schipa di Lecce
Interrogazione dell'on. Nicola Ciracì (M-CR)

Grazie, onorevole Ciracì, come da lei ricordato, in attuazione del decreto-legge n. 7 del 2005, il MIUR e il comune di Ceglie Messapica, nel 2006, hanno sottoscritto apposita convenzione secondo cui il personale in servizio presso l'Istituto musicale pareggiato, gestito dallo stesso comune, è inquadrato nei ruoli del conservatorio «Tito Schipa» di Lecce. Questo, però, solo a seguito dell'incremento della corrispondente dotazione organica di posti da rideterminare, previa approvazione del MIUR, di concerto con il MEF e con il Ministro della funzione pubblica. 
La convenzione precisa, infatti, che, fino all'effettivo inquadramento, il personale in servizio presso l'Istituto musicale pareggiato resta a carico del comune di Ceglie Messapica. Come rappresentato dal MEF con la nota da lei citata, non è stato possibile sino ad ora dare attuazione alla predetta convenzione, in quanto gli importi originariamente previsti non erano sufficienti agli obiettivi di rideterminazione della pianta organica e trasferimento del personale. Lo stesso MEF, infatti, scriveva che l'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 1-quinquies del decreto legge n. 7 del 2005 è risultata insufficiente ai fini della rideterminazione, con decreto interministeriale, della complessiva dotazione organica del conservatorio di Lecce comprensivo della sezione di Ceglie, pur proposta dal Ministero dell'Istruzione dell'università e della ricerca. Ora, la legge di bilancio del 2017 ha incrementato, a decorrere da quest'anno, la quota di stanziamento del capitolo relativo al funzionamento delle istituzioni AFAM, destinata alla sezione staccata di Ceglie Messapica, cui è quindi destinato un importo pari a euro 330.000. Questo permetterà di contribuire da quest'anno, in modo significativo, al pagamento degli stipendi del personale dell'ex istituto pareggiato ancora dipendente dal comune di Ceglie Messapica, e soprattutto permetterà al MIUR di proporre nuovamente al Ministro dell'economia e delle finanze e al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, ai fini dell'adozione, il decreto di modifica della dotazione organica del conservatorio di Lecce, procedendo conseguentemente alle necessarie variazioni di bilancio delle risorse dell'attuale capitolo relativo al funzionamento delle istituzioni AFAM statali e a quello relativo agli stipendi del personale di ruolo di tali istituzioni, dando così attuazione all'adeguamento della dotazione organica.

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 22 febbraio 2017