22 febbraio 2017 - Camera
Finocchiaro: retribuzioni comparto sicurezza e soccorso pubblico
Interrogazione dell'on. Edmondo Cirielli (FdI-AN)

Signora Presidente, onorevoli deputati, rispondo all'interrogazione in luogo del Ministro Minniti, che è impossibilitato a intervenire.
Consentitemi di esordire esprimendo l'apprezzamento e la gratitudine del Governo alle forze di polizia, al Corpo nazionale dei vigili del fuoco e a tutti gli attori della Protezione civile per la professionalità dimostrata e per l'impegno profuso nei recenti eventi emergenziali, oltre che nei servizi che quotidianamente assicurano alla cittadinanza. Nonostante un periodo di crisi economica particolarmente significativo, che ha determinato l'esigenza di provvedimenti di razionalizzazione della spesa pubblica, non è mai venuta meno la consapevolezza politica della priorità dei temi della sicurezza e di coloro che ne sono interpreti. Le leggi di stabilità e le normative di settore adottate negli ultimi tre anni hanno infatti determinato un consistente incremento degli stanziamenti in favore delle forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, dalle spese di funzionamento e per gli investimenti a quelle per le assunzioni, per il miglioramento del trattamento economico del personale, comprese le risorse per il rinnovo dei contratti e per il riordino delle carriere, nonché la conferma del bonus di 80 euro per l'anno in corso.  Il Governo intende proseguire nel percorso descritto, e infatti l'attuazione della delega contenuta nella legge n. 124 del 2015, concernente il riordino delle carriere delle forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, cui si sta lavorando in questi giorni, consentirà di valorizzare ulteriormente la professionalità e il merito del personale in questione, attraverso misure di carattere ordinamentale ed economico, collegate anche all'impiego in contesti emergenziali. Gli interventi in via di adozione si inseriscono in un più ampio e organico disegno di razionalizzazione e ammodernamento del dispositivo nazionale di sicurezza, finalizzato a migliorare gli standard dei servizi resi alla collettività. 
  Quanto alla corresponsione di remunerazioni aggiuntive al personale esposto a rischio in occasione di calamità o di eventi similari, evidenzio che le ordinanze adottate dal capo della Protezione civile per fare fronte ai recenti eventi sismici hanno previsto la concessione di speciali indennità operative integrative nei riguardi delle varie figure professionali coinvolte, e finalizzate a riconoscere l'impegno continuativamente profuso. Gli ordinamenti e le forze di polizia prevedono comunque in linea generale la possibilità di riconoscimenti premiali da conferire in base a determinati parametri di valutazione (oggettiva pericolosità del servizio, contesto geografico e ambientale, determinazione e spirito d'iniziativa). A mero titolo esemplificativo, segnalo che per quanto riguarda il solo personale della Polizia di Stato distintosi in occasione dei predetti eventi sismici, sono state formulate oltre 260 proposte premiali.

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati )

Ultimo aggiornamento: mercoledì 22 febbraio 2017