29 novembre 2017 - Camera
Minniti: realizzazione dell’eco-villaggio di Giugliano
Interrogazione On. Michela Rostan ed altri (MDP)

Grazie, signor Presidente. Onorevoli deputati, il comune di Giugliano in Campania ospita una numerosa comunità di etnia rom, circa mille persone, attualmente allocate in tre diversi insediamenti. Per rimuovere le situazioni di degrado, migliorare il livello di sicurezza per la cittadinanza e promuovere progetti di idonea sistemazione alloggiativa e di integrazione dei nuclei familiari di tale comunità, nel febbraio del 2016, il comune di Giugliano, la prefettura di Napoli e la regione Campania hanno sottoscritto un'intesa finalizzata alla realizzazione di un piano integrato di interventi mirato all'inclusione sociale e alla sistemazione abitativa. Tra questi, la costruzione da parte dell'amministrazione comunale di un eco-villaggio in area di proprietà dell'ente locale, composto da 44 moduli abitativi, nonché la programmazione di percorsi di legalità e di inserimento scolastico dei minori, previa adesione ad un patto di convivenza da stipulare con le famiglie interessate. Per la parte relativa alla sistemazione logistica, l'intero progetto prevedeva un costo complessivo di 1.300.000 euro, rispetto al quale il Ministero dell'Interno si è impegnato per un importo di 400 mila euro, già disponibile presso la prefettura di Napoli, che si prevede sia erogato a seguito della presentazione da parte del comune di Giugliano dei rendiconti e della documentazione giustificativa delle spese sostenute. La regione Campania si è impegnata, altresì, a titolo di contributo straordinario, per la restante quota di 900 mila euro.

Tuttavia, solo nell'aprile scorso, è stato siglato tra il comune di Giugliano, la città metropolitana di Napoli e la regione Campania l'accordo di programma finalizzato all'approvazione del progetto in variante alla pianificazione urbanistica dei suoli interessati all'intervento. A seguito di tale accordo, il 12 maggio di quest'anno, il sindaco di Giugliano ha reso noto l'insufficienza degli stanziamenti originariamente previsti, a fronte di un nuovo quadro economico di progetto stimato in circa 2,5 milioni di euro, rappresentando, quindi, l'esigenza di un ulteriore stanziamento di risorse.

Il Ministero dell'Interno sostiene pienamente la realizzazione del progetto del comune di Giugliano, tanto che al finanziamento originario di 400 mila euro ha aggiunto un ulteriore stanziamento di 300 mila euro, già accreditato alla prefettura di Napoli, impegnata a sviluppare ogni iniziativa utile ad attuare l'intesa a suo tempo sottoscritta con il comune di Giugliano e la regione Campania.

Più in generale, per la gestione delle iniziative legate alla presenza di campi rom nell'area metropolitana di Napoli, nel mese di ottobre è stato conferito un incarico speciale ad un dirigente della prefettura del capoluogo campano, disponendo a tal fine anche l'utilizzazione dei fondi riassegnati dalla legge n. 225 del 2016, risalente - ho finito - alla cessata gestione commissariale per l'emergenza nomadi.

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 29 novembre 2017