3 maggio 2017 - Camera
Calenda: Misure di credito bancario a favore delle micro e piccole imprese
Interrogazione on. Filippo Busin (LNA)

In realtà il tema è stato già al centro dell'ultima legge di bilancio. come forse ricorderete, e lo strumento principe per noi per operare in questo settore è il Fondo di garanzia. Il Fondo di garanzia è stato dotato di quasi 1 miliardo di euro: 1 miliardo di euro sono i soldi che noi riteniamo di perdere, con escussioni di garanzia; il che vuol dire che questi fondi riescono a garantire dai 22 ai 25 miliardi di euro di crediti. Sono per le PMI.

Era concepito in modo sbagliato, a mio avviso, il Fondo, per due ordini di ragioni. Il primo è che tendeva a dare copertura uguale a tutti i rating, con il risultato che le banche presentavano ovviamente aziende con rating molto alto, e di fatto era un trasferimento dal Governo alle banche. Il secondo elemento è che premiava ugualmente sia gli imprenditori che volevano investire sia quelli che finanziavano il circolante. Per questo abbiamo effettuato la riforma del Fondo: il Fondo oggi prevede che il massimo della garanzia venga dato nei casi di rating intermedi, cioè quelli che hanno… Ovviamente sono bancabili, ma che hanno una difficoltà di accesso al credito bancario; e dall'altro lato che siano privilegiati gli investimenti, cioè non chi finanzia il circolante, ma chi fa investimenti a medio e lungo termine.

Il Fondo è tutto relativo a piccole e medie imprese, e lavora molto bene con la “Sabatini” e con gli altri strumenti, iper-ammortamento, super-ammortamento che abbiamo varato; che sono per la prima volta un tipo di politica industriale basato su incentivi fiscali automatici, non a bando, dove non bisogna venire al Ministero a chiedere autorizzazioni e a farsi approvare piani, ma si possono utilizzare con il proprio commercialista.

È ovviamente molto presto per fare un bilancio. Quello che sappiamo è che l'Ucimu, l'Associazione per le macchine utensili dice che nei primi tre mesi dell'anno sono cresciuti del 22 per cento gli ordinativi di macchine utensili, il che ci pare un buon segnale; analoghi segnali arrivano dalle associazioni dei leasing. Vediamo una crescita molto significativa, di più del 110 per cento, della “Sabatini”, che continua ad essere uno strumento molto utile e molto utilizzato, e una crescita di finanziamenti accolti e di importi garantiti complessivi sul Fondo di garanzia del 14 e mezzo per cento e del 17 per cento rispettivamente.

Dunque, questo è il sistema che il Governo ha messo insieme e che lavora in maniera sinergica: incentivi fiscali e sostegno all'accesso al credito bancario. Lo riteniamo uno strumento fondamentale, e ci impegneremo per averlo anche il prossimo anno a disposizione delle piccole e medie imprese italiane.

 

 

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 3 maggio 2017