6 dicembre 2017 - Camera
Pinotti: accordo sulle servitù militari e utilizzo caserma di Pratosardo a Nuoro
Interrogazione On. Roberto Capelli (DeS-CD)

 Grazie, Presidente. Ringrazio l'interrogante che mi dà modo di evidenziare come la problematica esposta abbia rappresentato e rappresenti tuttora un obiettivo al quale la Difesa ha dedicato molta attenzione. Nello specifico dei rapporti con la regione Sardegna, vorrei sottolineare che, dopo un lungo cammino di confronto, è stato definito un protocollo di intesa che ci auguriamo venga formalizzato in tempi rapidi. Proprio per superare le criticità relative al ritardo nei pagamenti il dicastero della difesa, anche a seguito di un impegno preso con la regione Sardegna, si è fatto promotore delle varianti normative e regolamentari in materia negli opportuni tavoli interistituzionali, con l'obiettivo di sviluppare un meccanismo che potesse consentire l'erogazione del contributo su base annuale. Questa iniziativa è andata a buon fine e, quindi, il decreto relativo al quinquennio 2010-2014 oltre a regolarizzare il periodo citato rende possibile avviare immediatamente il pagamento relativo al 2015 e al 2016 e per il futuro il pagamento con cadenza annuale. La complessità delle procedure, il numero delle amministrazioni interessate e l'arco temporale quinquennale che era previsto per legge ha comportato che i fondi relativi al periodo 2010-2014 finissero in perenzione. Questi fondi, tuttavia, rimangono disponibili per l'esigenza, specificando che la riassegnazione da parte del Ministero dell'economia e delle finanze necessiterà di una richiesta delle regioni nei modi e nelle forme previste dalla vigente normativa.

L'iniziativa della Difesa, tesa ad accelerare le procedure relative al pagamento degli indennizzi, ha innovato, in misura sensibile, una materia molto articolata che vede il coinvolgimento di vari attori istituzionali, oltre che dell'amministrazione della difesa, come la Presidenza del Consiglio, il MEF, le regioni e le province autonome interessate. È opportuno sottolineare, inoltre, che la percentuale di contributo assegnato alle singole regioni non è in funzione di una scelta discrezionale di un solo organo di governo, bensì deriva dall'applicazione di parametri oggettivi, condivisi con le regioni stesse, sulla base di importi finanziari stanziati dal Ministero dell'economia e delle finanze.

Infine, per ciò che riguarda la caserma di Pratosardo, rendo noto che sono terminati i lavori mentre il collaudo, a cura del comune di Nuoro, è stato effettuato nello scorso mese di agosto. Pertanto, sono in corso le necessarie attività tecniche tra il comune di Nuoro e l'Agenzia del demanio per la successiva cessione della caserma nella disponibilità della Difesa, che la utilizzerà, come già ho ribadito qui in altre occasioni, per fini istituzionali.

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 6 dicembre 2017