8 marzo 2017 - Camera
Costa: piano di rientro aziende sanitarie locali ed presidi ospedalieri
Interrogazione on. Giovanni Monchiero (CI)

Presidente, l'onorevole Monchiero ha ricostruito l'iter normativo, ricordando che l'articolo 1, comma 526, della legge di stabilità per il 2016 prevedeva l'adozione di un decreto interministeriale per l'individuazione di un'apposita metodologia per la definizione degli scostamenti da utilizzare quale riferimenti per individuare, da parte delle regioni, le aziende ospedaliere, le aziende ospedaliere universitarie, gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici e gli altri enti pubblici che erogano prestazioni di ricovero e cura da sottoporre a piano di rientro. Il predetto decreto interministeriale è stato adottato il 21 giugno 2016, e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 15 luglio 2016, pertanto la tempistica prevista dalla normativa, rivista in funzione della disponibilità del decreto per la metodologia, è la seguente: entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto, per l'individuazione delle aziende da parte della regione (scadenza prevista 15 settembre 2016), entro i successivi 90 giorni la presentazione dei piani di rientro (scadenza prevista 15 dicembre 2016), entro i successivi 30 giorni approvazione da parte delle regioni (scadenza prevista 15 gennaio 2017). Secondo quanto comunicato dei Ministeri dell'economia e delle finanze e della salute ad oggi le regioni che hanno adottato il previsto provvedimento di individuazione delle aziende da sottoporre a piano di rientro sono le seguenti per un totale di 31 aziende: regione Calabria (4 aziende), regione Campania (10 aziende), regione Lazio (6 aziende), regione Sicilia (8 aziende), regione Puglia (non è pervenuto alcun decreto regionale), regione Piemonte (1 azienda), regione Emilia Romagna (1 azienda), regione Sardegna (1 azienda). Al momento non risulta che le aziende individuate abbiano presentato il relativo piano di rientro e che lo stesso sia stato ovviamente approvato dalla regione.

 

(tratto dal resoconto stenografico camera dei Deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 8 marzo 2017