8 marzo 2017 - Camera
Padoan: nomina dr. Luigi Marroni amministratore delegato della Consip
Interrogazione on. Stefano Fassina (SI-SEL)

Grazie, Presidente. Come è stato già ricordato in data 12 giugno 2015 è stato nominato il consiglio di amministrazione di Consip che resterà in carica fino all'approvazione del bilancio dell'esercizio 2017. In relazione alla composizione dell'organo amministrativo si ricorda che l'articolo 23-quinquies del decreto-legge n. 95 del 2012 dispone che il Ministero dell'economia e delle finanze provvede a nominare il consiglio prevedendo la composizione dello stesso con tre membri di cui due dipendenti dell'amministrazione economico-finanziaria e il terzo con funzione di amministratore delegato nel rispetto delle quote di genere. Come ricordato, a seguito della direttiva del Ministro Saccomanni nel 2013, sono stati rafforzati i requisiti di eleggibilità prevedendo che non possono ricoprire la carica di amministratore coloro che, tra l'altro, hanno ricevuto rinvii a giudizio o condanne per una serie di reati contro la pubblica amministrazione o in materia finanziaria. Tali requisiti sono stati trasfusi negli statuti sociali delle società controllate dal Ministero tra i quali Consip. Oltre a tali requisiti di onorabilità la direttiva prevede ulteriori requisiti di professionalità e autonomia tra i quali l'assenza di cariche politiche, comprovata professionalità ed esperienza in ambito giuridico, finanziario e industriale, assenza dei conflitti di interesse. In occasione della nomina dei consigli d'amministrazione e dei collegi sindacali il dipartimento del Tesoro accerta il possesso dei requisiti di legge, di statuto e della direttiva da parte dei candidati individuati nell'esercizio delle prerogative dall'organo di indirizzo politico. 
  Quanto alla nomina dell'amministratore delegato di Consip è stato individuato, nell'esercizio delle prerogative dell'organo di indirizzo politico, l'ingegner Marroni quale profilo idoneo a ricoprire l'incarico previa verifica dei requisiti di eleggibilità, professionalità, onorabilità e autonomia che è avvenuta da parte del dipartimento del Tesoro sulla base delle significative esperienze attestate dal profilo professionale.

 

(tratto dal resoconto stenografico Camera dei Deputati)

Ultimo aggiornamento: mercoledì 8 marzo 2017